Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare

Prescrizione

Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare

Condivi su:
Reclami Gas e Luce icon_Follow_en_US Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  0
Reclami Gas e Luce en_US Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  0
Reclami Gas e Luce en_US_Tweet Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  20
Reclami Gas e Luce en_US_save Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  20

Conoscere la normativa sulla prescrizione bollette dei consumi di gas e luce è fondamentale per tutelare i propri diritti di consumatore. Hai dubbi riguardo a delle bollette ricevute in passato? Ti aiutiamo a fare chiarezza con una guida completa che risponde alle domande più frequenti.

Reclami Gas e Luce Verbale-1 Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare

Cos’è la prescrizione bollette?

La prescrizione è un principio legale che protegge i consumatori da richieste di pagamento relative a consumi di gas e luce che risalgono a periodi molto remoti nel tempo. Ad esempio, se un utente ha ricevuto una fattura per consumi di energia elettrica datata diversi anni fa, potrebbe essere protetto dalla prescrizione, a seconda delle leggi e dei regolamenti locali. Questo significa che il fornitore di energia potrebbe non avere più il diritto legale di richiedere il pagamento di quei consumi dopo un certo periodo di tempo stabilito dalla legge. 

La durata di questo periodo può variare a seconda del tipo di utenza e delle normative vigenti. In sostanza, la prescrizione impedisce al fornitore di energia di richiedere il pagamento di consumi passati oltre un certo limite temporale, garantendo una certa protezione ai consumatori da richieste di pagamento retroattive e inaspettate.

Quando scatta la prescrizione per bollette di luce e gas?

Quando ti trovi di fronte a vecchie bollette di luce e gas, è naturale chiedersi se siano ancora rilevanti o se siano soggette alla prescrizione. La buona notizia è che c’è un modo semplice per verificarlo, e puoi farlo direttamente guardando la bolletta stessa.

La Legge di bilancio n.160 del 2019, in base alle direttive di ARERA ha stabilito dei nuovi termini di prescrizione per la bolletta gas e luce.

Se la bolletta è stata emessa dopo il 1° marzo 2018 per l’elettricità o dopo il 1° gennaio 2019 per il gas, la prescrizione è di due anni. Se invece la bolletta è precedente a queste date, la prescrizione è di cinque anni per entrambi i servizi. Un dettaglio importante riguarda le bollette luce che includono il Canone RAI: in questo caso, la prescrizione, per il solo canone RAI, è estesa a dieci anni.

Ora, per verificare se una fattura è prescritta, basta dare un’occhiata alla bolletta stessa. I fornitori di energia sono tenuti per legge a specificare chiaramente gli importi relativi ai consumi prescritti, evidenziandoli in modo chiaro e separato dagli altri addebiti.

Se non trovi alcuna menzione di importi prescritti, potrebbe significare che la bolletta è ancora valida e soggetta al pagamento. Al contrario, se li vedi evidenziati, puoi dormire sonni tranquilli, sapendo che non sei più tenuto a saldare quei debiti.

In ogni caso, se hai dubbi o domande riguardo alla prescrizione delle bollette o ai tuoi diritti da consumatore, non esitare a contattare il tuo fornitore di energia o un consulente specializzato come Reclami Gas e Luce. La trasparenza e la chiarezza sono fondamentali per garantire una gestione serena delle tue bollette energetiche.

Come posso contestare una fattura prescritta?

Se ti trovi nella spiacevole situazione di ricevere una richiesta di pagamento per una fattura che dovrebbe essere prescritta, è importante sapere che non sei legalmente obbligato a saldare quel debito. Hai il diritto di contestare questa richiesta e puoi farlo in modo formale e documentato

Invia una comunicazione scritta al fornitore di energia tramite raccomandata con ricevuta di ritorno o attraverso la posta elettronica certificata (PEC). Allega alla tua constatazione una copia della bolletta contestata e un documento di identità. Questo passaggio è cruciale per proteggere i tuoi diritti come consumatore e per risolvere la questione con chiarezza. La trasmissione dei documenti tramite questi mezzi fornisce una prova tangibile della tua contestazione, che può essere fondamentale se la questione dovesse richiedere un intervento legale. 

È importante agire tempestivamente e in modo accurato in queste situazioni per evitare eventuali complicazioni future legate alla fatturazione prescritta.

Cosa succede se pago una fattura in prescrizione?

Se paghi una fattura prescritta, il debito tecnicamente rimane, e potresti trovarti coinvolto in dispute o richieste di recupero in futuro. È meglio seguire le procedure appropriate per contestare la fattura e chiarire la situazione con il fornitore, anziché pagare importi che non sei legalmente obbligato a versare. 

Cosa fare se il fornitore insiste nel richiedere il pagamento di una fattura prescritta?

Se il fornitore insiste nel richiedere il pagamento di una fattura prescritta, puoi rivolgerti a dei professionisti, come noi di Reclami Gas e Luce. 

Può infatti succedere che il fornitore non solo invii raccomandate per ottenere il pagamento, ma che possa tentare di ottenere il pagamento tramite un decreto ingiuntivo. In questo caso, e anche nell’evenienza in cui il fornitore emetta un conguaglio dopo due anni dalla presunta data di scadenza della bolletta non pagata, ti aiuteremo a formulare una contestazione formale.

Conclusioni

Ricorda: è importante essere consapevoli dei propri diritti e delle procedure da seguire in caso di contestazioni o errori nelle bollette di luce e gas. Oltre alla prescrizione, che limita il periodo entro il quale il fornitore può richiedere il pagamento di determinati consumi, è possibile contestare una bolletta se si rilevano errori di fatturazione, consumi non corretti o addebiti non autorizzati. 

Conservare le bollette per almeno il periodo di prescrizione consente di avere a disposizione documenti utili in caso di contestazioni o chiarimenti. In caso di dubbi o problemi con le bollette, è possibile rivolgersi a servizi di assistenza come Reclami Gas e Luce, che offrono consulenza gratuita, supporto nella contestazione delle bollette e assistenza nella risoluzione di disservizi con i fornitori di energia. 

Contattare tali servizi è un passo importante per tutelare i propri diritti e mantenere il controllo sulle proprie utenze di luce e gas.

Clicca il pulsante qui sotto per inviarci la tua segnalazione e verrai ricontattato dai nostri specialisti per valutare insieme il tuo caso:

Condivi su:
Reclami Gas e Luce icon_Follow_en_US Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  0
Reclami Gas e Luce en_US Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  0
Reclami Gas e Luce en_US_Tweet Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  20
Reclami Gas e Luce en_US_save Prescrizione bollette consumi gas e luce: domande frequenti e risposte chiare  20
Tags :

Convidivi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *